mercoledì 21 gennaio 2009

11: TOKYOZUNA




L'11a giornata dell'Hatsu-Basho comincia con un sospiro di sollievo da parte del Ryogoku-Kokugikan e di noi tutti. Asashoryu effettua il Dohyo-Iri e conferma così la sua presenza sul terreno di gara. L'infortunio patito dal suo gomito malconcio, ieri, aveva insinuato qualche timore in proposito. Oggi, del resto, al "Dragone blu del mattino" toccherà affrontare l'Ozeki Kotooshu, in quello che sarà probabilmente l'incontro clou della giornata, visto che, di contro, Hakuho ha sempre avuto tradizione nettamente favorevole contro l'altro Ozeki Kaio, campione molto esperto ma ormai privo di grande resistenza fisica, il quale non regge più gli avversari imponenti e sovrastanti come lo Yokozuna mongolo.

Ma partiamo con le prime sfide. Torna tra i Makuuchi il mongolo Shotenro, ieri arrivato in Kachi-Koshi tra gli Juryo, il quale affronterà Toyohibiki, mentre subito dopo sarà la volta di un altro Juryo, Tosayutaka (ad un passo dal KK) contro il rampante Kakizoe. "Tank" Toyohibiki parte da molto distante dietro la linea dello Shikiri-Sen, ma non con la necessaria velocità. Shotenro, infatti, gli si fa subito addosso, piazza il braccio sinistro in gancio sotto l'ascella destra di Toyohibiki e prova immediatamente una proiezione in Tottari che non smuove il pesante avversario, il quale capisce l'intento del rivale e si muove con un attimo di anticipo per smorzarne l'impeto. A quel punto è Shotenro a trovarsi in posizione di svantaggio, troppo attaccato al fisico imponente di Toyohibiki e con le spalle sull'esterno. Toyohibiki (4-7) ne approfitta immediatamente e nonostante i movimenti fluidi di Shotenro (8-3) spinge via l'avversario con Oshidashi. Kakizoe, da par suo, scatta come una molla sul Tachi-Ai e si getta contro Tosayutaka, che subisce un paio di sferzate veloci prma di chiudere la difesa alta afferrano entrambi gli arti protesi di Kakizoe, che rimane dunque imprigionato in una sorta di doppio Kotenage. Ammanettato come un ladro, Kakizoe subisce dunque la spinta dello Juryo (8-3) che alla fine disbriga la matassa e sospinge Kakizoe (5-6) fuori dal Tawara con Oshidashi. Ed è Kachi-Koshi anche per il J3.

Masatsukasa, precipitato ieri in Make-Koshi, affronta invece Tochinoshin, mentre dopo ancora sarà Tochinonada a salire sul Dohyo contro Koryu. Masatsukasa tira fuori l'orgoglio e tiene botta sul Tachi-Ai ribassatissimo di Tochinoshin. Il georgiano (4-7) cerca di trovare un pertugio nella guardia del giapponese, ma entrambi finiscono per controllare le battute avversarie con le braccia protese lungo le spalle e la schiena avversaria, decisamente ribassata a 90°. Tochinoshin sembra quello tra i due con più iniziativa e cerca di entrare col sinistro in presa interna mentre gira attorno all'avversario, ma Masatsukasa (3-8) non si lascia beffare e con un rapido controgiro approfitta dell'attacco rivale per afferrarlo dall'esterno e capitombolarlo in terra con gran bell'Uwatenage. Koryu, d'altronde, vorrebbe evitare il Make-Koshi, ma non è certamente Tochinonada l'uomo "facile" per ottenere quest'obiettivo. Tochinonada parte meglio, con una bella iniziativa interna sinistra, ma Koryu impatta con ardore e fa si che l'urto raddrizzi la postura di "Nada", rendendo possibile un riequilibrio del bout. Tochinonada chiude dall'esterno, col destro, l'attacco avversario, mentre col sinistro ripiega dalla propria presa proprio per via della sua nuova postura del busto. Ma è solo un attimo di difficoltà perchè Tochinonada (6-5) trascina Koryu, fattosi leggermente esterno, in posizione frontale, con un mezzo Shitatenage, e poi lo incalza con Yorikiri vincente. Niente da fare per Koryu, che dunque piomba in Make-Koshi (3-8).

Tokitenku continua il suo Sumo altalenante contro l'abnorme Yamamotoyama. Sul Tachi-Ai Yamamotoyama allunga tantissimo l'arto sinistro in presa laterale sul Mawashi di Tokitenku, che però scarta leggermente sulla sinistra e manda a vuoto la presa della "corazzata Yamato". L'M15 cerca di recuperare col destro, allargandolo in gancio laterale sul fianco di Tokitenku per poi incalzarlo con spinta centrale, ma il mongolo scarta ancora sulla sinistra e lascia che Yamamotoyama (5-6) si ritrovi con la schiena indifesa, nei pressi del Tawara, dove Tokitenku lo sconfigge con Okuridashi (6-5).

Homasho vuole oggi il punto del KK a danno del buon Chiyohakuho, sin'ora autore di un torneo più che discreto, viste le sue corde. Homasho controlla con la consueta postura bassa il Tachi-Ai di Chiyohakuho (5-6) e lo colpisce in controtempo con alcune spinte ben coordinate. Chiyohakuho prova a seguire Homasho sul campo della "toccata e fuga", ma su questo terreno è proprio Homasho a farla da padrone. Infatti, nonostante un paio di buoni sferzate, Homasho è lesto nel sorprendere in controtempo i tentativi di Chiyohakuho e trasformare i suoi flebili attacchi in momenti propizi per il contrattacco. Spinta frontale, dunque, e Chiyohakuho viene portato sin nei pressi del Tawara, dove subisce lo Tsukiotoshi che lo manda KO. 8-3 e Kachi-Koshi per il bravo Homasho.

Tamanoshima contro Kakuryu. L'attacco del mongolo Kakuryu (6-5) è veloce e centrale, mentre col sinistro cerca un pertugio per la presa, che si fa prima laterale, poi centrale, ma senza mai cingere il Mawashi avversario. Tamanoshima, infatti, erege il busto mentre chiude dabbasso la propria difesa, per poi avanzare di peso. Kakuryu, essendo stato impossibilitato a cingere il Mawashi dell'avversario, non ha modo di resistere all'Oshidashi di Tamanoshima (9-2) che dunque trasporta Kakuryu sin sul bordo nord del Dohyo e quindi fuori di esso. Tamanoshima davvero scatenato, non c'è che dire.

Asasekiryu, dal canto suo, cerca di spezzare il momento difficile contro Tamawashi. E ce la fa. La partenza dell'M8 mongolo è ben eseguita, veloce ed equilibrta, e porta il sinistro interno col destro a bloccare da fuori la presa mancina rivale. Pochi passetti saltellanti e per Tamawashi (5-6) arriva subito la sconfitta pr Yorikiri. 5-6 anche per Asasekiryu, quindi.

Alcuni sponsor anticipano il bout tra Tochiozan, ancora teoricamente in lotta per lo Yusho dall'alto del suo 9-1, e Hokutoriki, M7 fornito di aggressività ma forse poco dotato sotto il profilo della tecnica classica (cioè lì dove eccelle il giovane Tochiozan). Prima assistiamo ad un Matta dell'M12, poi Hokutoriki brucia Tochiozan con un Tachi-Ai più rapido con cui allunga sino all'estremo le sue braccia, come di consueto, alla ricerca del Nodo-Wa (nella foto in basso). La mossa riesce e Tochiozan, timido e bloccato sul posto, viene flesso all'indietro con una grinta portentosa. Tochiozan non ce la fa ad uscire dall'azione di Hokutoriki, che avanza ancora piazzando un secondo, violento, Nodo-Wa, ed è quindi costretto a cedere per Oshidashi (9-2) lasciando ad Hokutoriki il punto del Kachi-Koshi (8-3). Anche Tochiozan, dunque, molla la presa dalla cima della classifica.

Iwakiyama contro Aran. I due cercano il punto che alleggerisca il loro deficit di score, ma prima un Matta e poi un Henka decisamente mal riuscito precipitano il russo Aran (4-7) ancora più a fondo. Iwakiyama, insomma, se la cava con una spintona in Oshidashi e si prende il punto del 5-6.

La prima fase della giornata di gare si conclude con il povero Bushuyama, già plurisconfitto, contro Tosanoumi, rikishi esperto ed in cerca di rilancio. Basta un Hatakikomi quasi scontato perchè Bushuyama (1-10) precipiti pancia a terra dopo una breve fase di controllo. Tosanoumi, dunque, va sul 5-6.

La seconda fase della giornata riprende con il bout tra due veterani: Wakanosato e Dejima. Vince lo "sferico" M8, che parte con Tachi-Ai molto più basso rispetto all'attacco di Wakanosato e lo cinge dabbasso con Morosashi. Wakanosato, che contava molto sull'impeto della propria carica, sposta all'indietro Dejima, è vero, ma viene frustrato dall'azione in Morosashi del vecchio rikishi che, infatti, stringe la morsa, riguadagna campo e spedisce Wakanosato (4-7) fuori dal Tawara con Yorikiri. 6-5 per Dejima.

Futeno contro Goeido. Il giovane M3 è ad un passo dal Kachi-Koshi ma Futeno, sotto il profilo della tecnica classica, potrebbe creare qualche grattacapo. Goeido, invece, non ha difficoltà nel liquidare Futeno (5-6) il quale parte con le braccia erette sulle spalle dell'avversario, bloccandone l'iniziativa, ma subisce il colpo dall'esterno, col sinistro, di Goiedo, che porta lo Tsukiotoshi laterale mandando Futeno verso l'esterno del Dohyo e quindi incalzandolo con Okuridashi. 8-3 e Kachi-Koshi pienamente meritato per il giovane M3, che sta facendo esperienza utile per il futuro.

Si prospetta una sfida equilibrata tra Takamisakari e Takekaze, due rikishi ribattezzati nella taverna con nomignoli in stile "Star Wars" per via della postura del primo, i cui movimenti ricordano l'andatura del celebre robottino D3BO, e delle fattezze del secondo, non molto alto ma decisamente somigliante al cattivissimo Jabba the hut. Scherzi a parte, è Takekaze a vincere (5-6) disponendo in tutti i modi di Takamisakari. Takekaze parte con attacco diretto al torace del rivale, che subisce l'azione e viene subito mandato in difficoltà. Takekaze scoordina l'avversario prima con Oshidashi, poi, lateralmente, con un'altra soluzione di spinta ma infine, dopo aver mancato tante opportunità, l'M3 costruisce l'azione della sua vittoria con un Nodo-Wa che strapazza Takamisakari (5-6) e lo sconfigge con Oshidashi. Nulla da dire: tra i due è stato solo il rikishi dell'Oguruma-Beya a salire sul Dohyo.

Kokkai, invece, affronta Yoshikaze ma sbaglia il Tachi-Ai, che punta ad afferrare la nuca del rivale come aspettandosi un tuffo in avanti dell'M2. Ma Yoshikaze non ripete l'errore di ieri e avanza con tutto il corpo, rendendo inutile la presa in stile Hikiotoshi dell'avversario. Così, con Yoshikaze troppo vicino, Kokkai è costretto a cambiare tattica, provando a lanciare colpi diretti cui Yoshikaze risponde con una migliore tenuta del Dohyo. Sull'ennesimo colpo di Kokkai, infatti, Yoshikaze (4-7) scarta leggermente per poi aggredire dal fianco il suo rivale georgiano (4-7) il quale viene dunque incalzato e spinto fuori dal Tawara con Oshidashi.

Il Komusubi Kisenosato, primo Sanyaku di oggi in questa piramide funestata dai Kyujo, affronta Kyokutenho, mongolo in leggera ripresa. Sul Tachi-Ai deciso di Kisenosato, Kyokutenho risponde abbassando leggermente il fianco mancino, in modo da trovare una presa mancina interna che difatti raggiunge, sia pure con un pizzico di ritardo sull'azione. Kisenosato, sorpreso dalla contromossa dell'M1, viene pressato per bene e subisce lo Yorikiri di Kyokutenho, almeno finchè riequilibra la posizione, con le gambe leggermente spostate all'indietro rispetto al bacino, e prova a rilanciare a sua volta con un altro Yorikiri. Stavolta è Kyokutenho a subire, arretrando sino al lato est del Dohyo, ma proprio in quell'ultimo spazio disponibile Kyokutenho (5-6) si arresta e spostandosi sulla destra spinge dabbasso l'avversario con Tsukiotoshi; un guizzo fulmineo che abbatte un Kisenosato forse troppo monocorde (5-6).

E' poi la volta del Sekiwake Baruto. L'estone parte in scioltezza ma subisce subito l'Henka che non ti aspetti. Kotoshogiku, difatti, scarta decisamente sulla destra per poi afferrare Baruto dal fianco mancino. Il Sekiwake va in difficoltà e mentre prova a recuperare la postura ideale, sui bordi del Tawara, viene abbattuto dal Sukuinage dell'M1 (4-7) che approfitta dl movimento forzoso di Baruto (7-4) per lanciare la proiezione vincente. Peccato per Baruto, che ritarda ancora il meritatissimo punto del Kachi-Koshi.

L'Ozeki Chiyotaikai, invece, vuole prendere il punto del Kachi-Koshi, bissando la grande vittoria di ieri contro Kotooshu. Il suo avversario, Miyabiyama, è un rivale disperato perchè si trova ad un punto dal Make-Koshi ed è capace anch'esso, sebbene non come "Chiyo", di portare Tsuppari decisi e continui. E difatti vince proprio Miyabiyama. Il pesante M2 affronta senza paura il Tachi-Ai di Chiyotaikai, stringe le distanze e impedisce all'Ozeki di mulinare gli Tsuppari. Chiyotaikai, dunque, troppo vicino per poter piazzare i suoi colpi, prende a spingere con forza l'avversario, portandolo vicino al Tawara dove però, con astuzia, Miyabiyama scarta, lasciando per un momento Chiyotaikai (7-4) a portata di Okuridashi. L'Ozeki, però, è veloce nel fuggire in tondo, inseguito tuttavia da Miyabiyama (4-7) che lo incalza sin sul lato opposto del Dohyo e quindi lo spedisce giù dall'isolotto terroso con Oshidashi.

Sfida tra Ozeki è quella tra Harumafuji, in netta ripresa nonostante il passivo di score, e Kotomitsuki, crollato velocemente in Kabodan. Haruma parte con slancio, mentre Kotomitsuki bada a frenarne l'impeto per poi declinare sul fianco e cercare la proiezione a sorpresa. Ama, però, non si lascia beffare e resiste al tentativo. A quel punto Kotomitsuki cambia velocemente la sua tattica, va in spinta su Harumafuji e per un attimo, sullo scarto di Ama, potrebbe persino chiudere in spinta. Harumafuji, però, è bravo nel tenere botta, piazzare la mano dietro la nuca dell'Ozeki avversario e quindi provare l'Hikiotoshi. Kotomitsuki barcolla, vacilla, riesce a spostarsi fuori dall'impaccio, ma Harumafuji (5-6) lo raggiunge sul bordo a nord-est del Dohyo e lo spinge fuori con Oshidashi (2-9). L'ex Ama ha vinto questo bell'incontro rutilante a danno di un Kotomitsuki un pò molle ma comunque abbastanza tecnico per impensierire il suo avversario.

Asashoryu contro Kotooshu. Kotooshu sembra voler caricare il Tachi-Ai e per questo scopre le sue intenzioni con un quasi-Matta. Asa, dunque, ha modo di leggere le carte dell'europeo e scarta logicamente sulla sinistra durante il Tachi-Ai, per poi attaccare Kotooshu sul braccio destro proteso con l'ennesimo Kotenage di questo suo torneo. Kotooshu, beffato da questa soluzione un pò furbetta, resiste alla morsa dello Yokozuna, recupera terreno e cerca di ricostruire la sua azione frontalmente. Asashoryu, però, è bravo a non consegnargli mai il fronte totale dell'azione e continuando a girare sulla sinistra, mantiene il controllo del bout. Un secondo strattone, tra l'altro, sposta nuovamente Kotooshu (8-3) che però resiste ancora al Kotenage e prova di nuovo a cercare il corpo di Asashoryu, per cingerlo. Per un attimo il tenace bulgarone sembra riuscirci, ma sullo scarto improvviso di Asa (11-0) Kotooshu deve stavolta cedere, incespicando in avanti per Hatakikomi (nella foto in alto). Fortunatamente, almeno quello, va a vuoto il ceffone violentissimo che Asashoryu gli tira da dietro, visibile sempre nella stessa foto, ma si tratta comunque del punto che vale lo Zensho-Basho prolungato di Asa.

Bravissimo Kaio sul Tachi-Ai, con il sinistro lungo sul Mawashi di Hakuho a piazzare subito la presa del vantaggio. Hakuho subisce e si china molto per arrestare l'azione di Kaio, che difatti patisce un pò il movimento del ben più giovane Hakuho e fa fatica a mantenere profonda la sua azione. Kaio, però, riesce comunque a ripristinare la presa non appena Hakuho si rialza e l'incontro torna presto a leggero vantaggio dell'Ozeki, che però non guadagna terreno. Hakuho, dunque, approfitta del campo a disposizione per rischiare il movimento offensivo e lancia letteralmente il destro sul fianco di Kaio, raggiungendolo a sua volta. E' la mossa che decide il match perchè tra le due prese speculari è quella di Hakuho a vantare maggiore forza fisica e dunque al vecchio Kaio (7-4) non resta che subire lo Yorikiri vincente dello Yokozuna (10-1: foto al centro).

Oggi Hakuho ha vinto un match davvero non facile, mentre Asashoryu, pur aggressivo, ha forse un pochino deluso per quel mezzo Henka effetuato sul Tachi-Ai iniziale. Nulla da dire, invece, sulla condotta di gara sapiente del grande Yokozuna mongolo. Tokyo ha deciso: sarà sfida a due.

Una piccola note in calce. L'austera signora Uchidate, ex scrittrice giapponese che fa parte dello Yokozuna Deliberation Council, è stata operata al cuore nella notte.

Est
Kimarite
Ovest:

E-M14 Toyohibiki 4-7*
oshidashi
E-J1 Shotenro 8-3

W-J3 Tosayutaka 8-3*
oshidashi
W-M12 Kakizoe 5-6

W-M14 Masatsukasa 3-8*
uwatenage
W-M11 Tochinoshin 4-7

W-M13 Koryu 3-8
yorikiri
W-M10 Tochinonada 6-5*

E-M10 Tokitenku 6-5*
okuridashi
W-M15 Yamamotoyama 5-6

E-M16 Homasho 8-3*
tsukiotoshi
W-M9 Chiyohakuho 5-6

E-M15 Tamanoshima 9-2*
oshidashi
W-M8 Kakuryu 6-5

E-M8 Asasekiryu 5-6*
yorikiri
E-M13 Tamawashi 5-6

E-M7 Hokutoriki 8-3*
oshidashi
E-M12 Tochiozan 9-2

E-M11 Iwakiyama 5-6*
oshidashi
W-M6 Aran 4-7

E-M6 Bushuyama 1-10
hikiotoshi
E-M9 Tosanoumi 5-6*

E-M4 Wakanosato 4-7
yorikiri
W-M7 Dejima 6-5*

E-M5 Futeno 5-6
okuridashi
W-M3 Goeido 8-3*

E-M3 Takekaze 5-6*
oshidashi
W-M5 Takamisakari 5-6

W-M4 Kokkai 4-7
oshidashi
W-M2 Yoshikaze 4-7*

E-K Kisenosato 5-6
tsukiotoshi
W-M1 Kyokutenho 5-6*

E-S Baruto 7-4
sukuinage
E-M1 Kotoshogiku 4-7*

E-M2 Miyabiyama 4-7*
oshidashi
W-O Chiyotaikai 7-4

E-O Kotomitsuki 2-9
oshidashi
E-O Harumafuji 5-6*

E-O Kotooshu 8-3
hatakikomi
W-Y Asashoryu 11-0*

E-Y Hakuho 10-1*
yorikiri
W-O Kaio 7-4

1 commento:

mehta ha detto...

commendable work dear:

Need your valuable feedback on;

www.octandigital.com

Regards,
Mehta (India)