giovedì 22 maggio 2008

12: KOTYUSHO!







12a giornata del Natsu-Basho. L'impresa è riuscita! Kotooshu, dopo aver assistito alla debacle di Asashoryu contro Chiyotaikai, sconfigge Hakuho e si porta imbattuto a due lunghezze dallo Yokozuna della Miyagino-Beya. Tre, addirittura, sono i punti di differenza da Asashoryu e Toyonoshima, anch'esso battuto in un confronto che leva di mezzo le pretese sportive del piccolo M5, rikishi che altrimenti sarebbe stato avversario osticissimo per il fisico di Kotooshu. A questo punto, a sole tre giornate dalla fine del torneo, Kotooshu è davvero ad un tiro di schioppo dallo Yusho e il Basho potrebbe perderlo solo lui.

Ma scendiamo nel particolare degli incontri clou. Kotooshu, nell'ultimo bout della giornata, affronta Hakuho con una freddezza nello sguardo che preannuncia grinta e convinzione. Hakuho (10-2) parte portando avanti la spalla destra, come per tramortire l'Ozeki bulgaro, ma Kotooshu scarta sulla sinistra e mentre col braccio destro va sul ventre del rivale, col sinistro coglie in un sol colpo il Mawashi dello Yokozuna sin sul retro. Hakuho è sorpreso nettamente dal Tachi-Ai defilatissimo di Kotooshu che compie, di fatto, un mezzo Henka e va in presa ferrea. Lo Yokozuna, allora, cerca di girarsi ma Kotooshu (12-0) gli gira intorno, forte della sua presa mancina, e riesce ad entrare facilmente sul Mawashi centrale dell'avversario col braccio destro. A questo punto Hakuho prova a fuggire lungo il Tawara ma Kotooshu lo segue passo passo e alla fine ne arresta la corsa proprio sul cordolo di paglia, dove porta lo Yorikiri decisivo, pressante e possente, senza lasciare ad Hakuho la possibilità di resistere troppo a lungo. Hakuho, dunque, cade all'indietro sulla stretta del bulgarone (come da tre foto in alto) che quindi finisce lungo dopo aver accompagnato fuori dal Dohyo l'ostico rivale. Oggi come ieri Kotooshu ha dominato l'incontro senza regalare il benchè minimo spazio alla risposta tecnica dello Yokozuna rivale ed a questo punto, mentre gli Zabudon color porpora, come da quarta foto dall'alto, gli piovevano addosso, Kotooshu ha potuto davvero sentire il profumo della Coppa dell'Imperatore.

Prima di Hakuho, tra l'altro, anche Asashoryu ha perso il suo bout. Lo Yokozuna mongolo, infatti, ha caricato il proprio Tachi-Ai con una spinta rabbiosa decisamente controproducente perchè priva di concretezza. Chiyotaikai, non a caso, ha urtato leggermente col fianco sinistro l'attacco dello Yokozuna per poi scivolare di lato e approfittare del braccio mancino di Asa, fumosamente allargato nel tentativo di trovare il Mawashi, per portare lo Tsukiotoshi vincente, che manda Asashoryu (9-3) riverso sul terreno. Chiyotaikai, leggermente fuori equilibrio, non recupera il passo ed effettua una capriola per accompagnare la caduta ma la sua vittoria è netta e fulminea (4-8) come da penultima foto in basso. Giornata nera per gli Yokozuna, insomma!

Ma perde anche un Ozeki ed è Kotomitsuki, sempre più in crisi di risultati dopo la gratuita sconfitta di ieri. Il Sekiwake Ama, infatti, gli si lancia contro senza paura sul Tachi-Ai, va in presa esterna sinistra ma poi, non trovando lo spazio con l'arto destro, si lascia rimbalzare lontano, attende il passo di Kotomitsuki (6-6) e quindi, con la consueta velocità supersonica, gli gira attorno, coglie il varco destro all'interno della guardia dell'Ozeki, ne cinge il Mawashi e scatta su Kotomitsuki, afferrandolo dietro la nuca e quindi portandolo verso l'esterno, facendolo passare sotto la sua ascella destra. Kotomitsuki, dunque, si ritrova in un attimo a bordo Dohyo e nulla può sul conseguente Yorikiri di Ama (8-4) come da foto in basso. Il Sekiwake ha preso il suo meritatissimo Kachi-Koshi.

Kaio (7-5) accoglie a pancione proteso il Tachi-Ai di Kakuryu (4-8) gli infila il sinistro lungo nella guardia destra fin sul fianco del Mawashi e quindi, con presa esterna destra, prepara lo Yorikiri. Kakuryu, fisso in presa speculare, prova un primo scossone ma Kaio, molto più pesante e protratto col baricentro in avanti, non subisce danni e, anzi, va lui stesso in Yorikiri sino alla vittoria. Bravo Kaio, decano tra i campioni del Sumo nipponico, mentre per il mongolo Kakuryu arriva il tanto temuto Make-Koshi.

Tutto facile per Kotoshogiku (7-5) che affronta in presa bassa Kokkai (2-10) ne chiude i varchi e poi, dopo aver ruotato la posizione portando il georgiano verso il lato nord del Dohyo, porta il sinistro lateralmente sul fianco di Kokkai, troppo basso e fuori equilibrio, e lo spinge dietro la spalla sul terreno, verso il basso, aiutandosi con uno spostamento laterale. Tsukiotoshi, secondo noi, ma Hatakikomi per il Gyoji e i cinque Shimpan.

Asasekiryu (5-7) perde il treno che lo vorrebbe riportare in uno score più sicuro e finisce per cedere a Kyokutenho (3-9) con Yorikiri. Il Komusubi mongolo scarta sulla sinistra dopo il Tachi-Ai ma finisce per favorire l'affondo sinistro dell'avversario che poi, dopo un breve stallo, riesce ad allungare il destro esterno sino al Mawashi di Asasekiryu e quindi a costruire l'azione vincente in Yorikiri, forte della sua altezza.

Non sfrutta il bout del possibile Kachi-Koshi l'altro Komusubi, anch'esso perdente, e cioè Kisenosato (7-5) che si lascia disorientare dalla manata sul volto di Wakanoho (5-7) che poi va in presa destra interna mentre cinge ben largo sulla sinistra il corpo troppo eretto di Kisenosato. I due smuovono lateralmente i bacini per aprire le difese avversarie, ma è Wakanoho quello dei due che ha maggior vigore e sulla spinta successiva porta Kisenosato sul Tawara, dove risulta inutile la finta del Komusubi. Kisenosato, infatti, prova, esattamente come ieri, a sbilanciare il corpo del russo verso sinistra, ma Wakanoho non si lascia beffare e stringendo l' "assedio" chiude per Yorikiri.

Baruto (3-9) prova ad afferrare il collo di Miyabiyama che però brucia lo spazio e va a sua volta in Tsuppari. Ne conseguono Harite un pò confusi e certamente lentissimi che però instradano il bout verso una rapida conclusione. Baruto, infatti, prova una proiezione a metà tra Uwatenage e Sukuinage ma lascia che Miyabiyama (5-7) riesca a riaversi sul braccio destro dell'estone per trascinarlo a terra in anticipo con Tottari. Kimarite sporco di Miyabiyama ma utilissimo per rimanere ancora "in vita".

Lavorano molto sul fianco, Aminishiki e Tochinonada, finchè, sulla presa centrale bassa dell'M4, Tochinonada molla gli ormeggi, si lascia girare con un Uwatenage molto contratto e quindi viene spinto sull'esterno, e fuori dal Tawara, con Yorikiri deciso. Kachi-Koshi meritato del freddissimo Aminishiki, avversario scontroso e creativo che domani se la vedrà con Kotooshu, ma Tochinonada può ancora sperare nel medesimo traguardo.

Make-Koshi, invece, per l'ennesimo mongolo sconfitto di oggi. Solo Ama, infatti si è salvato tra gli asiatici delle steppe. Takekaze (5-7) impatta bene sul fronte centrale di Tokitenku (4-8) che rimane troppo rigido e si lascia prima girare con un Uwatenage e poi, col destro dietro la nuca ormai ribassata, sconfiggere con Katasukashi. Tokitenku continua la sua orrida discesa tra gli inferi del Banzuke, quindi, e il Make-Koshi di questo Natsu influirà di certo nell'ennesima, brutta caduta tra gli sprofondi. "Jabba" Takekaze, di contro, recupera un punto che gli dà qualche flebile speranza.

Fondamentale ai termini del Basho è anche la sconfitta di Toyonoshima, dicevamo. "Toyo" (9-3) entra camminando in Morosashi su Wakanosato (7-5) approfittando dell'attacco un pò ingenuo dell'avversario che però chiude subito i bicipiti sui dorsali, bloccando in una morsa le braccine corte di Toyonoshima, il quale, dunque, non ha modo di trovare la profondità nella doppia presa che ne avvantaggerebbe la spinta. Di contro è Wakanosato che può sfruttare ora l'altezza superiore e portare all'indietro Toyonoshima che, prigioniero della stretta del rivale, viene portato sul Tawara e quindi sconfitto con Yorikiri. Wakanosato, pur indirettamente, ha fatto un bel regalo a Kotooshu.

Le altre sfide? Iwakiyama (7-5) proprio non ce la fa a superare lo sbarramento a mani tese di Hokutoriki (9-3) che alla fine forza il contrattacco e vince per Oshidashi, mentre Futeno vince il suo duello tra campioni di Yorikiri contro Tamanoshima (7-5) proprio con analoga Kimarite, prendendosi il punto del Kachi-Koshi (8-4) grazie ad un Morosashi ottenuto con estrema fatica.

Roho, poi, vince il suo duello contro Goeido (7-5) e lo raggiunge nello score (7-5) vincendo con Oshitaoshi dopo aver resistito con busto molto chino alle schermaglie mobili di Goeido ed aver tentato un paio di schiacciamenti in Hikiotoshi dell'avversario. Il passaggio dall'Hikiotoshi, fallito, alla spinta veloce successiva, dunque, sorprende il giapponese Goeido e alla fine ne determina la sconfitta. Bravo Roho mentre Goeido, evidentemente, ha ancora molto da imparare: non si può vincere sempre, infatti, con la giocata a distanza.

Ancora un punto per "D3BO" Takamisakari (5-7) che subisce lo schiaffone violento di Kakizoe (5-7) sul Tachi-Ai, patisce il Morosashi della doppia presa rivale, ma poi sposta sulla sinistra il bacino e uccella con Hatakikomi il "bisontino" Kakizoe, che precipita in avanti dopo essere stato toccato dietro il capo.

Infine Dejima. Il giapponese si prende il punto del faticoso 6-6 con un Tachi-Ai devastante ai danni di un altro coraggioso dello slancio iniziale, Toyohibiki (6-6) che stavolta rimane fermo e subisce una tremenda testata sul mento mentre cerca di scartare lateralmente sulla sinistra, in doppia presa esterna. Dejima, però, non perde il controllo dell'azione, segue "Tank" e alla fine lo spedisce giù dal Dohyo, con un tonfo spettacoloso, per Yoritaoshi. Spettacoloso anche l'Utchari col quale il georgiano Tochinoshin (5-7) sconfigge l'arrembante Homasho (7-5). Tachi-Ai convinto di Tochinoshin, presa speculare destra interna, balletto di Yorikiri reiproco e doppia rotazione sul versante nord del Dohyo dove Tochinoshin prima subisce la spinta di Homasho e poi, con rotazione volante del busto sopra il ginocchio destro sollevato, fa letteralmente volare via l'avversario. In questo caso, probabilmente, la regola dello Shi-Tai è stata praticata, visto che Homasho tocca terra fuori dell'isola del Dohyo un attimo dopo che Tochinoshin tocchi terra, sul Tawara, alla fine della sua rotazione.

Hakurozan in Make-Koshi (4-8) sullo Yorikiri grintoso di Kotokasuga (4-8) nonostante la resistenza lunghissima in bilico sul cordolo di paglia e Yoshikaze sul 5-7 dopo l'Hatakikomi con cui afferra il capo chino di Tosanoumi (6-6) e lo manda pancia a terra.


E-M14 Tochinoshin 5-7*
utchari
W-M11 Homasho 7-5

E-M10 Dejima 6-6*
yoritaoshi
W-M15 Toyohibiki 6-6

E-M7 Takamisakari 5-7*
hatakikomi
E-M13 Kakizoe 5-7

W-M9 Roho 7-5*
oshitaoshi
W-M7 Goeido 7-5

E-M6 Futeno 8-4*
yorikiri
W-M13 Tamanoshima 7-5

E-M11 Iwakiyama 7-5
oshidashi
W-M6 Hokutoriki 9-3*

E-M5 Tochiozan 4-8*
oshidashi
W-M12 Tamakasuga 5-7

W-M10 Wakanosato 7-5*
yorikiri
W-M5 Toyonoshima 9-3

E-M4 Tokitenku 4-8
katasukashi
W-M8 Takekaze 5-7*

E-M8 Tochinonada 7-5
yorikiri
W-M4 Aminishiki 8-4*

E-M3 Miyabiyama 5-7*
tottari
W-M1 Baruto 3-9

E-K Kisenosato 7-5
yorikiri
W-M2 Wakanoho 5-7*

E-M2 Kyokutenho 3-9*
yorikiri
W-K Asasekiryu 5-7

E-M1 Kokkai 2-10
hatakikomi
W-S Kotoshogiku 7-5*

W-M3 Kakuryu 4-8
yorikiri
W-O Kaio 7-5*

E-O Kotomitsuki 6-6
yorikiri
E-S Ama 8-4*

E-Y Asashoryu 9-3
tsukiotoshi
E-O Chiyotaikai 4-8*

W-O Kotooshu 12-0*
yorikiri
W-Y Hakuho 10-2

2 commenti:

pierfranco ha detto...

Ciao carissimo, stavo leggendo il tuo commento odieno e mi sono accorto che c'è un piccolo refuso: quando descrivi il tachi-ai, indichi Hakuho come vittima ed autore allo stesso tempo, ovviamennte per una svista dovuta alla gioia incontenibile e che riesco a stento ad immaginare!!!
Perdona l'intrusione e la mia smania di perfezionismo.
Buona serata,
Pierfranco

bronzo76 ha detto...

Si, mi sono espresso male...intendevo dire che Hakuho parte a spalla protesa per cercare l'urto ma Kotooshu scappa di lato per fare quello che poi ha fatto. Vedrò di correggere il tutto ma sono molto contento del tuo intervento! La tua presenza su qta sprta di "diario sumesco" mi fa molto piacere.