venerdì 25 gennaio 2013

13: L'ULTIMO SCALINO


La vittoria numero 13 di Harumafuji mantiene Ama in Zensho ma soprattutto sottoscrive un'importante ipoteca sullo Yusho. Harumafuji, infatti, non solo ha battuto l'avversario più ostico fra quelli mancanti al suo personale appello, cioè il "Kid" Kisenosato (Tachi-Ai, breve controllo dell'attacco rivale, arretramento curvilineo e schiacciamento in Hikiotoshi a disarcionare l'avversario, poi liquidato da dietro con Okuridashi) ma ha mantenuto di conseguenza le due lunghezze di distacco sul suo inseguitore Hakuho (11-2) oggi vincente su Kakuryu. A questo punto, a sole due giornate dalla fine, Harumafuji potrà limitarsi ad una sola vittoria su due per immagazzinare la sua ennesima Coppa dell'Imperatore. Basterà vincere domani perchè lo Yokozuna della Isegahama-Beya possa esultare ufficialmente.
 
Hakuho, di contro, ha battuto Kakuryu (8-5) con Oshidashi, mantenendo vivo il flebile lumicino della speranza. Lo Yokozuna ha colpito potente con un Tachi-Ai molto solido, ha evitato il passaggio in Makikae di Kakuryu ed anzi ha affondato l'offensiva in Oshidashi. Il suo desiderio, dunque, è che Harumafuji perda domani proprio contro Kakuryu, in modo da potersi poi giocare il tutto per tutto nel Senshuraku, con lo scontro diretto. Ancora una vittoria di Kotooshu (8-5) che centra il suo Kachi-Koshi con bellissimo Uwatenage sul georgiano Tochinoshin (8-5) al termine di un bel duello molto muscolare in reciproco Yori-Zumo. Splendida la torsione del bulgarone in presa esterna mancina ma vittoria anche di Goeido, che miete un punto abbastanza inutile (7-6) trascinando fuori dal Tawara il suo avversario Aran (6-7) con Hikkake. Il loro bout è stato davvero intrigante giacchè il russo Aran ha attaccato come un ossesso, andando molto vicino a sconfiggere il Sekiwake giapponese prima con schiacciamento dietro la nuca, in Hikiotoshi e poi con degli spintoni vigorosi in Oshidashi. Goeido, di contro, è stato bravo a flettersi, arretrare, schivare e sgattaiolare via dal Tawara fino all'elusione vincente.
 
Il grande sconfitto della giornata, tuttavia, è l'altro Sekiwake, cioè Baruto (7-6) che cede contro l'inarrestabile e sorprendente Takayasu (11-2) il quale prevale con Yorikiri dopo una bella grip in Hidari-Yotsu ed un pressing molto eretto che ha impedito all'europeo di afferrare l'avversario alla sua solita maniera dominante. Baruto abdica dunque a titolo definitivo, o quantomeno a lungo termine, dal ruolo che tanto gli ha reso onore e con cui ha vinto anche uno Yusho, cioè quello di Ozeki. Il gigante estone doveva raggiungere almeno 10 vittorie per poter tornare subito nel rango di campione ma la sua caviglia malandata non ha ancora recuperato dal grave infortunio patìto tempo fa, ragion per cui non è possibile accusare Baruto se non di sfortuna. Serviranno tre tornei in doppia cifra, dunque, perchè "Big" Baruto, oggi apparso molto deluso al termine del suo bout, torni fra i campioni. A Takayasu, mietitore di uno scalpo importante ed autore di un torneo fin'ora fenomenale, la certezza di ritrovarsi nei quartieri altissimi del prossimo Banzuke.
 
Fra i Komusubi Shohozan (2-11) cede sull'Oshidashi del più ficcante Toyonoshima (5-8) che prima scivola fuori dal Nodo-Wa dell'avversario e poi replica in contro-tempo, mentre Tochiozan (7-6) batte Kotoshogiku (6-7) con Katasukashi ed inguaia seriamente l'ultimo degli Ozeki della truppa gallonata. "Giku", infatti, rischia parecchio ed ha concrete possibilità di ritrovarsi ancora in Kadoban, come già lo scorso torneo, in quel di marzo. Infine una breve carrellata di risultati: Kotoyuki (6-7) liquida Shotenro (7-6) con Hikiotoshi, Okinoumi (7-6) doma Takarafuji (8-5) con Yorikiri in Hidari-Zashi e Kitataiki (7-6) batte con Oshidashi il koreano Tochinowaka (8-5). E' Kachi-Koshi di Chiyotairyu (8-5) con splendido Shitatenage su Tamawashi (6-7) e Make-Koshi, invece, per il brasiliano Kaisei (5-8) che cede sull'elegante sgambetto in Kirikaeshi di Aminishiki (7-6). Prosegue la cavalcata trionfale di Ikioi (7-6) che batte pure il mongolo Tokitenku (8-5) con Oshidashi (calcione evitato e bel controllo del Dohyo sull'arretrammento dinamico dell'avversario) mentre cade in Make-Koshi, infine, il vaporoso Yoshikaze (5-8) colpito dallo Tsukidashi di "Mr Gaga" Gagamaru (5-8). Tsukidashi che è anche la Kimarite di Aoiyama (7-6) il quale ghermisce ripetutamente Myogiryu sul torace (7-6) impedendone l'abbassamento fino alla vittoria del bulgaro.
 
East kimarite West
E-M16
Miyabiyama
1-12
oshidashi W-M16
Tamaasuka
4-9
E-M14
Shotenro
7-6
hikiotoshi W-M15
Kotoyuki
6-7
E-M13
Daido
5-8
uwatenage E-J4
Sotairyu
8-5
W-M13
Asahisho
4-9
tsukidashi W-M11
Fujiazuma
7-6
W-M14
Takarafuji
8-5
yorikiri W-M10
Okinoumi
7-6
E-M10
Kitataiki
7-6
oshidashi E-M15
Tochinowaka
8-5
W-M12
Tamawashi
6-7
shitatenage W-M8
Chiyotairyu
8-5
E-M12
Sadanofuji
6-7
uwatedashinage W-M7
Masunoyama
4-9
E-M9
Tokitenku
8-5
oshidashi W-M5
Ikioi
7-6
E-M4
Gagamaru
5-8
tsukidashi E-M8
Yoshikaze
5-8
E-M3
Toyohibiki
4-9
oshidashi E-M11
Wakanosato
4-9
East kimarite West
W-M9
Takekaze
5-8
yorikiri W-M2
Kyokutenho
3-10
W-M6
Aoiyama
7-6
tsukidashi W-M1
Myogiryu
7-6
E-M1
Aminishiki
7-6
kirikaeshi W-M3
Kaisei
5-8
E-M2
Toyonoshima
5-8
oshidashi W-K
Shohozan
2-11
E-M7
Takayasu
11-2
yorikiri W-S
Baruto
7-6
E-S
Goeido
7-6
hikkake W-M4
Aran
6-7
E-K
Tochiozan
7-6
katasukashi W-O
Kotoshogiku
6-7
E-O
Kotooshu
8-5
uwatenage E-M6
Tochinoshin
8-5
E-O
Kisenosato
10-3
okuridashi W-Y
Harumafuji
13-0
E-Y
Hakuho
11-2
oshidashi W-O
Kakuryu
8-5

Per la cronaca: Takamisakari, già in Make-Koshi fra i Juryo, ottiene oggi una delle sue ultime vittorie della carriera, se non l'ultima in assoluto, giacchè sconfigge Kimurayama (3-10) con Yorikiri. Il punto del 4-9, infatti, non cambia il fatto che il buon vecchio "Robocop", salutato dopo la vittoria da un'autentica standing ovation, sia sul punto di retrocedere fuori dai Sekitori e ritirarsi dall'attività agonistica. Con tanta malinconia da parte nostra. Make-Koshi per il J5 ceko Takanoyama (5-8) che cede sullo Tsukidashi del J11 Tokushinho (7-6). Fra i cadetti, comunque, comanda il J13 Takanoiwa con 11-2, seguìto dal giovane J1 Jokoryu con 10-3.

Nessun commento: